Default.aspx  
 
HOME   CHI SIAMO   CONTENUTI DEL SITO   COLLABORA CON NOI
 

 
      
QUALE PA PER QUALE PAESE? – MESSAGGI DAL FORUM PA 2013 (PRIMA PARTE)
 
 

Archivio articoli
Quale PA per quale paese? – messaggi dal FORUM PA 2013 (prima parte)
Quale PA per quale paese? – messaggi dal FORUM PA 2013 (seconda parte)
Il ruolo dell’innovazione tecnologica per il rilancio della PA.  Le parole-chiave sembrano essere: uso delle tecnologie “social” per essere vicini ai cittadini, razionalizzazione e riuso delle soluzioni informatiche, estrarre valore dagli open data. 

Una spigolatura di concetti interessanti ascoltati al convegno inaugurale del FORUM PA 2013: “Quale PA per quale paese?”  Clicca qui per vedere tutti gli interventi.

Carlo Flammant – FORMEZ

Gli organici della PA italiana sono in linea con quelli del resto d’Europa.  Lo stesso dicasi per i costi.  Abbiamo esperienze di eccellenza fra le amministrazioni locali e centrali.  Allora perché la PA non decolla?

I limiti sono:

  • manca l’attenzione al rispetto dei tempi
  • federalismo sbagliato (esempio promozione del turismo nel mondo)
  • poca coesione, ogni amministrazione tende a fare da sé (esempio concorsi).

Manca l’ultimo miglio delle riforme, non è adeguata l’assistenza per l’attuazione.

Simone Battiferri – TELECOM ITALIA

La PA è molto informatizzata, ma l’informatizzazione avviene in modo molto frammentato e senza curare l’interoperabilità.  Ad esempio, Telecom ha censito oltre 200 software presso i comuni italiani.

La priorità, oggi, non è tanto lo sviluppo di nuove applicazioni, quanto l’armonizzazione, il consolidamento infrastrutturale e applicativo.

Pierfrancesco Di Giuseppe - ORACLE

Le tecnologie consentono l’avvicinamento dei cittadini all’amministrazione.  In futuro, le amministrazioni non dovranno più offrire servizi multicanale (sportello, telefono, email, internet), ma tutti su piattaforme digitali (citato l’esempio dei Paesi Bassi).  Il ricambio generazionale e la diffusione degli smartphone renderanno naturale questa evoluzione.

Roberto Zardinoni – IBM

Tre sono le sfide che la PA deve affrontare:  contribuire al rilancio della competitività, liberare risorse per mezzo della semplificazione, promuovere la trasparenza.

I passi da compiere sono:

  • trasformazione sistemica delle infrastrutture, ad esempio con la creazione di data center unificati
  • utilizzo delle tecnologie “social” per favorire la partecipazione
  • creazione di valore dagli open data, per mezzo dell’informatica cognitiva.


Voto: 3,1/5 (100 voti)



Pubblicato il 14/06/2013 


Vota
 1 2 3 4 5

 
 

 
 
 

  

info@mondopa.it

Responsabile: Luca Montobbio
Sito sviluppato da Silvio Romano
Grafica di Pier Paolo Naldoni
 

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, interviste audio/video, registrazioni,
etc…) sono distribuiti con una licenza Creative Commons 2.5 eccetto dove diversamente specificato.
I documenti presenti su MondoPA sono in larga parte presi da Internet e quindi valutati di pubblico dominio.
Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo
alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione degli stessi.

 

MondoPA - 2013